Emozioni rapide


Sull’amore ho sentito tante versioni e non so quali ricordo.
Lo spessore delle emozioni mi disorienta, sentirsi al sicuro o navigare a vista?
Se voglio brividi, mi metto la tuta ed il caschetto e non offendo l’acqua, la ringrazio e la rispetto.
Quanto dura una emozione? E quanto sarebbe stato bene durasse? 

Dopo una intensa unione, fa bene a cosa sentirsi attaccare? Le virate e le strambate si fanno con perizia, a improvvisare ci si fa male.
C’è una schiera di appassionati al rafting emotivo: “Ti amo, ti odio, ti amo, ti voglio, maledetto.”
“L’amore non è bello se non è litigherello”
Ma a cosa sono cresciuti questi? A sberle e marmellata?
Mai trovate romantiche le sforbiciate nelle camicie, e raramente i bottoni strappati.
I graffi possono andare bene sulla schiena, ma neanche troppo spesso.

Ci son suoni che gelano l’anima e fanno bollire il sangue.

Menti tesi e mani dure, ma di che amore non tacete?

 
In un angolo di mondo, a noi remoto, c’è una parola per uno stato d’animo: “zanshin” sta per ‘tenere lo spirito’.
Dopo averne inteso le parole, forse sono bastati venti anni per capirne il senso e viverlo.
Forse ‘tenere’ (lo spirito) non rende bene il concetto, sembra la volontà che vuole impugnare lo spirito, ma resta inevitabilmente sola e serrata a sé stessa.

Aggiungerei ‘sos-tenere lo spirito’ una volta trovato lo spirito, indossarlo.

Allora il tempo si fermerà, questa volta sì, rapidamente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: