Essere nudi


17 e 17

Parlo in pubblico davanti a centinaia di persone, però mi vergogno di chiedere al passeggero seduto accanto a me, in treno, se – cortesemente, scusa, ti prego, non ti incazzare – mi fa passare perché, che ne so, devo andare in bagno, al vagone ristorante o solo a sgranchire le chiappe.

Mi vergogno talmente tanto che prenoto sempre lato corridoio e, quando l’agenzia si incasina e mi ritrovo accanto al finestrino, mi viene da star male appena il treno lascia la banchina. Visualizzo l’attimo in cui la mia vescica o la mia inquietudine da viaggio mi costringeranno a quella sconveniente richiesta e sudo.

Allora, un giorno di pioggia, turbata dai miei numerosi nonsense, mi sono messa seduta comoda e ho preso a esaminare con cura le motivazioni dell’imbarazzo. L’imbarazzo è il fratello nerd della vergogna, quello che non ha ancora i gradi da vergona effettiva, ma ci sta lavorando.

Ho…

View original post 275 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: