Sciogliere il mostro


20130712-220152.jpg

20130712-220124.jpg

Il mostro non va spiegato, chi lo conosce sa cos’è, chi non lo conosce, non ha interesse a leggere ciò che segue.

Avere un mostro significa imparare a vivere cercando di evitarlo, nei suoi percorsi e nei suoi orari.

Per chi lo ha incontrato, il mostro nasce con un evento e si ingrandisce con la sua memoria.

La memoria del mostro, beninteso, è il nostro ricordo, siamo noi.

Se abbiamo incontrato il mostro all’età di sei anni ci sarà sembrato enorme anche se potrebbe essere stato dell’età di otto anni, quindi invincibile, ma per noi adulti, a vederlo, è un mostriciattolo.

Con il tempo, il solo ricordo del mostro lo farà crescere con noi e restare imbattibile.

Per noi sarà sempre più grande delle nostre forze, sebbene chiunque non abbia quello stesso mostro lo vedrà della sua grandezza, otto anni.

Se ci giriamo intorno, lui ci mostra sempre la sua stessa faccia orribile, fino a quando lo inganneremo con uno sgambetto o una giravolta e riusciremo a fare il giro e vedere la sua schiena.

Sarà una sorpresa sapere che è come una sagoma vuota di cartapesta. Allora un sollievo ci pervaderà.

Date al mostro il nome che volete, bicicletta, matematica, ballare, cantare, fidanzati e fidanzate, parlare in pubblico… l’esercito dei mostri nasce dalle esperienze infelici.

Solo un atto creativo sgombrerà il campo, poi finalmente cresceranno margherite.

“Ogni oceano che puoi attraversare non è troppo profondo”

Sciogliere il mostro ha due significati diversi, può voler dire dissolverlo come un cristallo di sale nell’acqua oppure liberarlo dalle catene.

Per dissolverlo dobbiamo incontrarlo ed essere liberi di prenderci gioco di lui.

Si può fare, perché il mostro sta sempre fermo, perché i mostri non si sanno muovere, allora siamo noi che dobbiamo sciogliere le nostre catene, che sono i nostri muscoli spaventati. Saremo finalmente liberi di danzarci intorno, e lui sarà visibile alla sua vera grandezza, da mostriciattolo.

Un atto creativo è una sorpresa autentica, perciò deve sorprendere l’autore.

Se una persona detesta ballare, in realtà teme il contesto, ecco che fuori dalla sua patria sarà sciolto.

20130712-002632.jpg

Chi rievoca mostri diventa mostro. Per alcune persone io lo sono stato, involontariamente, ma ugualmente mostruoso. È un fatto doloroso, ma inevitabile; quando mi è stato permesso, li ho accompagnati ad aggirarmi, per altre persone resto ancora mostro fino a quando prima o poi mi scioglieranno.

Una storia che si ripete in ogni nuovo incontro, ecco il mio Samsara.

leggi anche: i demoni

3 risposte a "Sciogliere il mostro"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: